Che Cos’è Google Takeout?

Cari consumatori oggi parleremo di un servizio che potrebbe essere molto utile ad ognuno di noi. Google Takeout è un servizio di Google che ti permette di accedere a molti dei tuoi dati conservati da Google. Attraverso questo servizio è possibile scaricate i propri dati sul computer o su qualsiasi dispositivo in possesso per conservali o per usarli in altri programmi.

Cosa include?

Attraverso Google Takeout si ha accesso a 24 prodotti di Google, che includono le tue foto (in Google Foto), le tue mail (in Gmail), le tue mappe, i tuoi calendari (in Google Calendar), i tuoi contatti, tutto ciò che hai in Google Drive e molti altri dati.

A cosa serve?

Oltre a permetterti di monitorare i tuoi dati in Google, può essere usato per recuperare eventuali dati persi, e allo stesso tempo, per scaricare regolarmente archivi aggiornati dei tuoi dati di Google. I dati sono scaricabili in formati standard nell’industria, e sono quindi leggibili quindi anche da servizi esterni a Google. Tra gli esempi più semplici e praticati abbiamo quello di esportare tramite Google Takeout tutte le email da Gmail in altri programmi di posta elettronica come Outlook, Thunderbird, ecc.

Come si accede a Google Takeout?

Per accedere a Google Takeout bisogna collegarsi direttamente dalla pagina ufficiale di Google Takeout. In alternativa è possibile attraverso il proprio account di Google, cliccando su “Informazioni personali e Privacy”

 

Ora  scorri la pagina fino alla sezione “Controlla i tuoi contenuti” e quindi clicca su “Crea Archivio“

In questo frangente si aprirà l’interfaccia di Google Takeout:

 

 

Come vengono salvati i dati?

Dopo aver fatto accesso https://takeout.google.com/settings/takeout e immesse le proprie credenziali sarà possibile impostare: i tipi di dati relativi ai servizi di Google da esportare; l’estensione della compressione degli archivi creati; una dimensione massima per gli archivi creati; una destinazione di salvataggio degli archivi una volta completata l’operazione di compressione.

Tra le principali destinazioni di salvataggio abbiamo servizi di Cloud Storage quali: Google DriveDropbox e Microsoft OneDrive. Se selezioniamo questa opzione l’archivio creato viene salvato automaticamente nello storage scelto. In alternativa all’archiviazione è disponibile l’opzione di avviso via mail dell’avvenuta creazione degli archivi e quindi la possibilità poi di eseguirne il download in locale.