Nel DL semplificazioni, pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale, c’è una misura che renderà più facile l’accesso alle persone diversamente abili oppure ai loro accompagnatori, dotate di contrassegno, in tutte le Ztl d’Italia. Questa novità fa parte di un sistema di misure atte a digitalizzare la Pubblica Amministrazione sburocratizzandola. Tutto ciò sarà possibile grazie ad una piattaforma unica informatica presso il Mit, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che permetterà di verificare le targhe dei veicoli associate ai permessi di circolazione delle persone titolari dei contrassegni di disabilità. Ad oggi, invece, la procedura è totalmente diversa. Il contrassegno per disabili ha validità di accesso alle Ztl solo nel Comune di rilascio ed in cui è stato richiesto; per poter circolare liberamente in Comuni differenti a quello di rilascio bisogna effettuare delle pratiche che variano da comune a comune. Questa normativa, quindi, ridurrà le procedure burocratiche ed entrerà in vigore con la pubblicazione di un decreto attuativo del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che dovrà essere emanato entro 90 giorni dalla pubblicazione del decreto, di concerto con i Ministeri di Interno ed economia. Finalmente il nostro Paese sembra stia prendendo una svolta dal punto di vista del miglioramento dell’efficienza e delle semplificazioni delle procedure, burocratiche soprattutto. Adesso è arrivato il tempo anche per la Pubblica Amministrazione di passare al digitale, certo sappiamo che non è un processo immediato ma da qualche parte si dovrà pur cominciare!